Sottomenu

Home  > Cilindro Europeo

Cilindro Europeo

Spesso ci troviamo a per la riparazione di porte blindate o portoncini d’ingresso che sono stati forzati dai ladri:  molte porte apparentemente impenetrabili risultano facilmente apribili a causa della serratura adottata, troppo vecchia o di scarsa qualità. E’ l’eterna lotta tra scassinatori e fabbricanti di serrature, quando i ladri trovano il modo di scassinarla i produttori ne inventano un nuovo tipo.

La prima generazione di chiavi a cilindro europeo (tipo Yale) è oramai considerata poco sicura poichè nel tempo i malviventi hanno sviluppato tecniche di scasso ormai conosciute. Anche la prima generazione di chiavi a doppia mappa è oramai vulnerabile (i ladri usano il cosiddetto grimaldello bulgaro).

Bisogna anche diffidare dai cilindri europei con chiave punzonata se questi non sono di marche conosciute, ma di sottomarche a poco costo.

Un cilindro europeo può essere infatti aperto in diversi modi:

1) con una copia delle chiavi

2) rompendolo

3) aprendolo con destrezza (key bumping)

Come difendersi da queste minacce?

1. Copia delle chiavi

La copia delle chiavi è facile quando Cilindro Europeo Scudo DCK  la chiave ha un profilo standard, mentre è molto più difficile quando ha un profilo brevettato con duplicatura protetta da codice PIN: solo chi è in possesso del codice (che viene consegnato in busta sigillata) può fare una copia delle chiavi. Questo può essere molto utile se per esempio si ha personale di servizio in casa, e si teme che possa farsi una copia delle chiavi.

2. Rottura del cilindro

La rottura del cilindro può avvenire in due modi:

• facendo leva dall’esterno per spezzarlo in corrispondenza del nottolino (i ladri inseriscono un tubo sul cilindro che con un rapido movimento rotatorio viene letteralmente spaccato), dove il corpo è più debole

• trapanandolo.

Per evitare la prima tecnica è importante Cilindro europeo U-Tech AGB Antibumpingche il cilindro non sporga all’esterno, perché altrimenti può essere afferrato con un lungo tubo con cui si fa leva per spezzarlo ed estrarlo. Se il vecchio cilindro sporge troppo all’esterno è quindi bene sceglierne uno più corto da quel lato (all’interno invece l’eventuale sporgenza è solo un problema estetico).

Sempre per contrastare la rottura è bene scegliere cilindri che siano rinforzati nella zona critica. Noi per i portoncini d’ingresso forniamo il cilindro  KABA Antibumping  un cilindro europeo di elevata sicurezza, dotato di spine antitrapano e antisfilamento, e di un elemento ad U in acciaio inox per impedire l’estrazione del cilindro in caso di spezzatura per tentata effrazione.

Per  proteggere  il cilindro all’esterno ed evitare che venga afferrato e spezzato è bene inoltre proteggerlo con una bocchetta di sicurezza – defender. Questo accessorio aumenta sensibilmente la sicurezza della porta: la particolare geometria a piani obliqui lo rende inafferrabile con qualsiasi attrezzo, ed essendo ricavato da un pieno in acciaio inox speciale temperato è difficilmente perforabile con il trapano.